Home page                                                                                                                                  DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.

Per essere recensiti

ARCHIVIO RECENSIONI LP/CD



SATANIKA- Atomic curse (demo CD EP, autoproduzione 2010)(30 copie, con sticker)

Ascoltando questo Ep demo dei romani SATANIKA, si stenta a credere che sia un demo d'esordio.
La perplessità nasce dalla qualità della registrazione, non inferiore a molte altre releases di caratura internazionale, e dalla miscela esplosiva di tecnica/atmosfera/attitudine che la band sprigiona in ogni nota e respiro.

Ma andiamo con ordine...il trucco c'è, e va spiegato....

I Satanika, con altre formazioni e moniker (uno fra tutti: Der Henker), avevano già inciso alcuni lavori precedenti, e quindi non sono affatto una creatura alla sua prima alba, ma un ensemble già collaudato nei suoi elementi "chiave" (il cantante Cris Pervertor e il chitarrista Barren) e, fatto a mio parere importantissimo, si avvale in questo demo del drumming di spettacolare follia di Tormentor "celebre" batterista degli affermatissimi tedeschi Desaster.

I tre pezzi originali di "Atomic Curse", per dirla in maniera banale così capiscono anche i più tonti, "non fa prigionieri". La fusione fra "thrash" old -school ed elementi black è quasi perfetta, ritmicamente oppressiva ma con intuizioni contorte risolte con la perizia del serial killer più allenato. Il ruolo di Tormentor è fondamentale per permettere al gruppo soluzioni ritmiche negate a buona parte dei gruppi privi di tali maniaci talentuosi dietro le pelli.

L'approccio è quello da manuale del genere: istintivo ed animalesco, ma tecnicamente controllato e preciso....Una fusione cercata da molti e raggiunta da pochi. Assolutamente a proprio agio a cucire le vene del black d'annata con la struttura conservatrice del thrash più putrido e cattivo, i Satanika non "steccano" nemmeno la rilettura del semi-classico degli Unleashed "In the name of God", una cover finale tutt'altro che superflua.

Eccessivi, con riffing ai limiti del rischio slogatura del polso, vocals "downtuned" quanto basta e più o meno "ironicamente" dediti a tutto ciò che è "cult" in chiave metallica, questo è un gruppo che ha capito molte cose: come entrare nel cuore (o altrove...) dei metallari più suggestionabili e come farsi odiare da tutti gli altri....Due meriti non da poco, mi sembra...

I Satanika sono morbosamente attratti dal cinema splatter/gore, e i riferimenti iconografici e tematici a questo filone cinematografico sono sempre presenti in ogni loro progetto.....Non occorre aggiungere che i Satanika, anche in questa loro fusione di suggestioni gore e filigrana Thrash non sono affatto né originali, né innovatori.

E so che affermando ciò li farò felici, in quanto questi musicisti (e sopratutto persone..) non gradiscono alcun tipo di "innovazione" sul piano musicale e la loro attitudine è orgogliosamente ferma a ciò che ritengono, a torto o a ragione, essenziale....

Se potete, ascoltateli ora o in futuro...quando lo farete, avrete bisogno di un otorinolaringoiatra...Contattatene uno bravo....

(STEFANO CODERONI)






DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.