Home page                                                                                                                                  DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.

Per essere recensiti

ARCHIVIO RECENSIONI LP/CD



SATANIKA - SATANIKATTAK (LP, IRON SHIELD RECORDS, 2011)

Mi ero giÓ occupato di questi Satanika in occasione di un esplosivo mini cd autoprodotto..... Adepti intransigenti al verbo del puro Thrash metal ottantiano "sporcato" con attitudine "blackish" (alla Desaster, per intenderci...),il gruppo romano si era avvalso proprio della collaborazione del batterista dei tedeschi citati.

Ora, forti di un bellissimo artwork che non cattura affatto il clima della loro musica ma che li farÓ confondere inevitabilmente con la miriade di black metal bands derivative, i nostri Pervertor e Barren (ex Der Henker, Massemord, ed altro....), rispettivamente Voce e chitarra del progetto, si presentano al mondo con un LP d'esordio, a cui farÓ presto seguito lo stesso lavoro ma in formato Cd, con altra copertina e pubblicato da un'altra etichetta.

Il duo in questa occasione si Ŕ avvalso della collaborazione (non accreditata) del batterista Aeternus (giÓ membro dei Lord Vampyr e Ade), assolutamente eccellente.
E' necessario premettere che Ŕ principalmente la parafernalia dell'universo del B-movie ad influenzare l'immaginario "tematico" dei Satanika, principalmente le derivazioni Gore o "sexploitation", giÓ ampiamente trattate e rimasticate da gruppi di "genere" come Necrophagia e accoliti..... Il Black metal nella musica dei Satanika rimane solo un retaggio del loro passato o, al peggio, un riverbero di un nastro su cui si Ŕ giÓ registrato....

I Satanika calano la scure all'istante, e ci si trova decollati giÓ all'accenno dell'iniziale "Sodomize the nun", elegantissimo titolo per pruriginosi, imberbi metalheads dell'ultima ora. Il pezzo per˛, musically speaking, non ammette critiche....semplicemente devastante sopra e sotto la cintola.

Ancora pi¨ spaventosa la successiva "Atomic Curse", inno alla follia nucleare e chirurgica prova di destrezza distruttiva, con ritmi patologici che accennano alla scarnificazione, e sanno andare anche oltre..... I riffs deflagrano al momento stesso della loro concezione, ed evocano scenari post-apocalittici..... Roba da filmacci, dicevo.....

"Razor maniac" e "Fetish bitch cult" tengono fede ai loro titoli e sono pezzi meno compressi ritmicamente e, se mi si concede il termine, pi¨ "ragionati" nella struttura, comunque minimale.... Lo svolgimento Ŕ da manuale del tormento, anche se mi sembra che l'interpretazione vocale monodimensionale e manieristica tolga un'oncia al peso del risultato complessivo.... Pi¨ prevedibili, ma comunque letali....

La seconda, graziosissima e lieve seconda facciata dell'LP rimastica il corpo giÓ martoriato del thrash pi¨ "blackish" in circolazione, mantenendo a livello di guardia l'attenzione dell'ascoltatore giÓ ampiamente tramortito dagli episodi precedenti grazie anche ad alcune "bonus tracks" provenienti dai precedenti minicds/EP e una cover di "Madhouse" degli Anthrax.

Fondamentalmente una "riff band" (ma "da manuale"....), i Satanika non si distinguono per originalitÓ e voglia di osare e tutto (ma proprio TUTTO) del loro stile conferma e congela una formula ferale e crudele nella sua ripetitivitÓ..... Tuttavia, certi pezzi di questo disco mostrano un insospettabile equilibrio fra brutalitÓ, istintivitÓ omicida, e inclinazione a "ragionare" come il pi¨ ispirato fra gli psicopatici.

I Satanika non conoscono strategie, e come si dice dalle loro (nostre) parti, "MENANO" prima di parlare, ma se i colpi non vi rimbambiscono a dovere, capirete che dietro quelle mazzate c'Ŕ un cervello pi¨ guascone che perverso..... Non dimenticatevi che dietro i fendenti c'Ŕ una certa dose di indispensabile ironia, anche se Ŕ ironia servita al cianuro.

Se si eccettua la quasi totale assenza di parti di chitarra solista, "Satanik attak" non presenta limiti penalizzanti nel perimetro del genere, ma anzi si propone come uno dei dischi migliori usciti negli ultimi 2/3 anni; sicuramente Barren mi sembra uno dei chitarristi ritmici pi¨ forsennati in circolazione....praticamente un chirurgo pazzo, o per rimanere in tema, un autentico "mad-doctor"....

Se l'integralismo stilistico, la ripetitivitÓ e la mancanza di coraggio artistico sono essenziali alla riuscita di un grande gruppo di questo genere (e lo dico senza ironia, con il massimo rispetto), allora i Satanika andranno molto avanti, semplicemente rimanendo immobili.

E, se non ricordo male, i veri monumenti sono alquanto statici.



(STEFANO CODERONI)






DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.